Chi beve birra campa cent’anni

 

Beve birra

Quella citata nel titolo era una frase pubblicitaria in voga parecchio tempo fa. Ma… se fosse vero? Io sono nato nel 1958, e mi capita di bere birra, quindi dovrei vivere fino a 100 anni, che festeggerò nel 2058. Ripercorriamo la mia vita, iniziata dal 1958, che sarà il primo anno importante. Per trovare il secondo anno importante, basta sommare a 1958 un numero di anni uguale a una cifra delle sue cifre, quindi il secondo anno importante potrebbe essere uno dei seguenti: 1958+1=1959; 1958+5=1963; 1958+8=1966; 1958+9=1967. E da questi si ricava il terzo anno importante allo stesso modo, e così via. L’anno nel quale compirò 100 anni sarà un anno importante.

Quanti ce ne saranno stati nella mia vita, come minimo?

Il profumo dei soldi

Profumo dei soldi

Dopo il film “Il colore dei soldi” di Martin Scorsese e il libro “L’odore dei soldi” di Veltri e Travaglio, ecco il problema “Il profumo dei soldi” del sottoscritto. Ma forse è meglio scrivere “Il Profumo dei soldi”, con la P maiuscola, in quanto intendo parlare del banchiere Alessandro Profumo, e chiedo di comporre un anagramma partendo dalle 17 lettere di nome e cognome. Ovviamente, il risultato dovrà essere pertinente con il personaggio in gioco. Buon lavoro.

Le lancette

LANCETTE Occorrono nell'orologio

Ho già presentato tempo fa il gioco delle targhe, ed ho visto parecchie risposte, quindi mi permetto di riproporlo. Mi è capitato di fotografare la targa AN 948 ET. Come al solito, devo trovare una parola che contenga le lettere A N E T in questo ordine, assieme ad altre lettere. Trovata la parola, devo dare una sua definizione utilizzando sempre tre parole, che abbiano il numero di lettere che si vede nella targa; in questo caso di 9 4 8 lettere. Io ad esempio ho risolto LANCETTE: OCCORRONO NELL’OROLOGIO. E la definizione rispetta le cifre della targa: OCCORRONO (nove lettere) NELL (quattro lettere) OROLOGIO (otto lettere).

E voi, quali parole e quali definizioni siete riusciti a trovare?

I tre tesori

I tre tesori

Incontro un vecchio amico, che non vedevo da anni, e vengo a sapere che ha tre figli. Ne è felice, e li chiama sempre “i miei tre tesori”. Ma così non riesco a capire se si tratta di figli maschi o di figlie femmine.

Ovviamente, indicando con M maschio e F femmina, potrebbero esserci quattro casi (FFF, FFM, FMM, MMM), senza badare alle età dei singoli figli.

Ad un certo punto, dalla stanza dei figli dove si trovano tutti e tre i tesori, sento una voce esclamare: “Smettila!”. A questo punto che percentuale ha ciascuno dei casi elencati sopra?

E se la voce avesse esclamato: “Stai zitto!”?

E se la voce avesse esclamato: “Stai zitta!”?

E se la voce avesse esclamato: “State zitti!”?

E se la voce avesse esclamato: “State zitte!”?

La statua di Carlo Sesto

Carlo Sesto

A Trieste, in Piazza dell’Unità d’Italia, si trova una statua di Carlo Sesto, con l’indice della mano sinistra puntato, come se indicasse qualcosa. Ammettiamo di avere cinque di queste statue, identiche, e di porle in modo che ognuna delle statue punti verso un’altra, e che ogni statua sia indicata da un’altra. In quante maniere diverse si può ottenere questo risultato?

Le statue saranno identificabili una dall’altra, e possiamo indicarle A B C D E.