Le stesse cifre

Stesse cifre

Esistono alcune espressioni tali che il risultato che si ottiene eseguendo i calcoli è formato dalle stesse cifre utilizzate nell’espressione. Un esempio si può vedere nell’immagine, dove elevando 5 alla seconda si ottiene 25, per scrivere il quale dobbiamo nuovamente utilizzare un 5 e un 2, come nell’espressione di partenza.

Ci sono altri casi simili?

Indovina il numero

Numeri

E’ un gioco da bambini, che ora giocheremo noi adulti, con le nostre conoscenze.

Si gioca a turno e uno di noi due pensa un numero intero tra 1 e 1000 compresi. L’avversario deve indovinarlo, andando a tentativi, e ad ogni turno riceverà una risposta fra “di più”, “di meno”, “esatto”.

Poi si invertono i ruoli, e così via: si fanno parecchi turni di gioco.

Prima domanda: come fa chi deve indovinare per azzeccare il numero pensato nel minor numero di mosse possibili?

Seconda domanda: come fa chi deve pensare il numero, per farselo indovinare nel maggior numero di mosse possibili?

Ammettiamo sempre che i concorrenti non barino, ad esempio cambiando il numero durante il gioco.

Lavami!

Lavami

 

Il mio amico Maurizio tempo fa mi ha scritto dicendo che qualcuno sul lunotto posteriore gli aveva scritto con il dito la solita parola che tutti possiamo leggere se non siamo troppo attenti alla pulizia dell’automobile: LAVAMI.

Stando al volante, lui leggeva correttamente la parola LAVAMI sullo specchietto, e si stupiva che l’autore dell’invito sia stato così ingegnoso da scrivere in modo che si leggesse LAVAMI anche dall’interno. In realtà una scritta sul lunotto posteriore si legge specchiata dall’interno, ma dritta attraverso lo specchietto retrovisore interno.

Ci sono però delle scritte che si possono leggere ugualmente bene sia dall’interno che dall’esterno, e chi si diverte a costruirle le ha chiamate AMBIGRAMMI.

Mi chiedo allora se si poteva in qualche semplice modo scrivere qualcos’altro di simile a LAVAMI in modo che il senso del messaggio sia lo stesso e che sia possibile leggere dall’interno e dall’esterno.

Io un’idea ce l’ho già…

* * * * * * * * * *

Alla fine, dopo aver sentito gli altri interventi, inserisco la foto di una possibile scritta, quella che avevo in mente al momento di proporre il gioco. Ma puol darsi che vi vengano in mente altre.

Lavalautotua